SPID: come richiedere l’identità digitale

Sempre più enti della Pubblica Amministrazione stanno richiedendo lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, per accedere ai propri servizi online. Quindi diventa indispensabile, anche per i cittadini stranieri, attivarlo (ad esempio per accedere allo Sportello Unico per l’Immigrazione del Ministero dell’Interno), ecco come si fa.

L’identità digitale SPID è rilasciata dai Gestori di Identità Digitale (Identity Provider) che forniscono le identità digitali e gestiscono l’autenticazione degli utenti. Per attivare lo SPID è necessario:

  • l’indirizzo email;
  • il numero di telefono cellulare;
  • il documento di identità (carta di identità, patente, passaporto o permesso di soggiorno);
  • la tessera sanitaria con il codice fiscale.

La procedura di attivazione è molto semplice ed è costituita da 3 fasi:

  1. inserire i propri dati anagrafici, come nome, cognome, luogo e data di nascita, ecc;
  2. creare le credenziali SPID;
  3. effettuare il riconoscimento per certificare l’identità digitale, che può essere fatto di persona (andando ad esempio ad un ufficio postale) o a distanza (tramite carta d’identità elettronica, Carta Nazionale dei Servizi, Firma Digitale o webcam).

Richiedere lo SPID è gratuito ma alcuni servizi aggiuntivi, come il riconoscimento via webcam, potrebbero essere a pagamento.

L’identità SPID è costituita da credenziali con caratteristiche differenti in base al livello di sicurezza richiesto per l’accesso. Esistono tre livelli di sicurezza, ognuno dei quali corrisponde a un diverso livello di identità SPID:

  • livello 1, permette di accedere ai servizi online attraverso un nome utente e una password scelti dall’utente;
  • livello 2, dedicato ai servizi che richiedono un grado di sicurezza maggiore, che permette l’accesso attraverso un nome utente e una password scelti dall’utente; la generazione di un codice temporaneo di accesso o l’uso di un’app;
  • livello 3, prevede l’utilizzo di ulteriori soluzioni di sicurezza e di dispositivi fisici (es smart card) per l’identificazione.

Corso di lingua e cultura cinese

Sono aperte le iscrizioni al Corso di Lingua e Cultura Cinese, realizzato dalla dott.ssa Giulia Massellucci, laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l’Università la Sapienza di Roma.

Le lezioni, che si svolgeranno una volta a settimana, inizieranno lunedì 23 novembre alle ore 18.30 e nel rispetto delle misure per il contrasto del virus Covid-19, si terranno a distanza, tramite la piattaforma Zoom.

Il corso si rivolge a tutte le persone che desiderano avvicinarsi ad una delle lingue più longeve e più parlate al mondo.
Le lezioni prevedono sia lo studio delle basi del cinese mandarino che la sua evoluzione nella storia e la sua importanza per il popolo cinese.
Lo scopo principale di questo percorso introduttivo è quello di scoprire la Cina con occhi nuovi, lontani da luoghi comuni, superando l’imbarazzo del suo ostico e affascinante codice linguistico.

COME ISCRIVERSI AL CORSO
Per partecipare al corso è necessario essere iscritti alla Biblioteca Interculturale Cittadini del Mondo. Per chi non lo fosse, può compilare e firmare il modulo di iscrizione in ogni sua parte e inviarlo a biblioteca@associazionecittadinidelmondo.it.
Invece, per chi fosse già iscritto alla Biblioteca e vuole partecipare la corso, basta inviare una email a biblioteca@associazionecittadinidelmondo.it, indicando nome, cognome e indirizzo email.

I POSTI SONO LIMITATI!

Prestito libri Biblioteca

La Biblioteca Interculturale Cittadini del Mondo è chiusa al pubblico ma è comunque attivo il servizio di prestito libri.

Per prenotare un libro, basta inviare un’email a biblioteca@associazionecittadinidelmondo.it, con il proprio nominativo e il titolo del libro a cui si è interessati, e ritirarlo fuori dalla biblioteca all’ora e giorno concordati.

Il catalogo è consultabile a questo link: https://rbslazio.biblioteche.it/opac/search/lst?home-lib=50.

Per accedere al catalogo della Biblioteca e verificare la disponibilità di un documento, bisogna impostare la ricerca avanzata e selezionare nel campo biblioteca “Associazione Cittadini del Mondo – Sede“; inserendo poi titolo e/o autore usciranno i soli risultati relativi alla Biblioteca.

Ricordiamo che il prestito dei libri dura 30 giorni prorogabili, prima della data di scadenza, di altri 15 giorni se il libro non è prenotato da un altro utente.

Per chi non fosse iscritto alla Biblioteca, può compilare il modulo di iscrizione in ogni sua parte e inviarlo a biblioteca@associazionecittadinidelmondo.it.

Covid-19: le regole da seguire tradotte in più lingue

Il Governo italiano, per contrastare la diffusione del virus Covid-19, ha messo in atto una serie di misure che devono essere rispettate da tutti.

Pubblichiamo, in diverse lingue, i materiali informativi realizzati dall’Associazione di volontariato Il Grande Colibrì:

I materiali informativi tradotti nelle altre lingue possono essere scaricati qui: https://www.ilgrandecolibri.com/coronavirus-spiegato-migranti-asilanti/

Chiusura Biblioteca Interculturale Cittadini del Mondo

In linea con le misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19, a partire da giovedì 5 novembre, la Biblioteca Interculturale Cittadini del Mondo resterà chiusa al pubblico, come stabilito dall’art. 1 c. 9 lettera r del Dpcm del 3 novembre 2020: “sono sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42”.

Ma le attività della Biblioteca proseguiranno online, presto ci saranno aggiornamenti.