Articoli

Abbiamo bisogno di aiuto per Palazzo Selam

Palazzo Selam, dove vivono circa 800 persone provenienti dal Corno D’Africa (Somalia, Eritrea, Etiopia e Sudan), è la più grande occupazione abitativa romana di titolari di protezione internazionale.

Le condizioni igieniche e di sicurezza sono estremamente precarie. Il palazzo è dotato di allacci di fortuna per acqua ed elettricità e il numero sempre crescente di occupanti ha aggravato il degrado abitativo. Famiglie, spesso numerose, vivono in micro-appartamenti privi di bagni e finestre.

La mancanza di aerazione, il sovraffollamento, l’assenza di mezzi di riscaldamento e raffreddamento, rendono gli ambienti insalubri trasformandoli in potenti alleati per la diffusione del Covid-19.

Per prevenire la possibile trasmissione del virus, Cittadini del Mondo, quotidianamente si reca davanti al Palazzo ad informare gli abitanti su quali siano i comportamenti corretti da seguire per evitare il contagio, attraverso materiale informativo tradotto in inglese, somalo, tigrino, amarico e arabo.

In relazione a tale emergenza sanitaria, l’Associazione Cittadini del Mondo ha bisogno di:

  • mascherine;
  • guanti;
  • alcool etilico denaturato;
  • candeggina;
  • panni per pulire;
  • coperte;
  • lenzuola;
  • asciugamani;
  • t-shirt bianche;
  • tute;
  • calzini;
  • scarpe;
  • biancheria intima.

Per informazioni è possibile chiamare o inviare un messaggio whatsapp al numero 3899112893, oppure inviare una email a info@associazionecittadinidelmondo.it.

In alternativa si può fare una donazione tramite bonifico bancario intestato a:
Associazione Cittadini del Mondo
Banca Intesa San Paolo
IBAN: IT08L0306909606100000065591

Istruzioni coronavirus per gli abitanti di Palazzo Selam

Italiano

Attenzione!
Questo messaggio contiene importanti informazioni sulla nuova malattia dovuta al coronavirus.

Il nuovo coronavirus può̀ provocare febbre, tosse, difficoltà a respirare e polmonite. Gli effetti possono essere deboli o gravi. Solo in pochi casi può̀ provocare la morte, specialmente in persone già̀ malate soprattutto ai polmoni come con la tubercolosi. Il coronavirus passa da una persona all’altra attraverso le gocce di saliva e il respiro. Possiamo passare il coronavirus quando tossiamo, tocchiamo una persona o siamo molto vicini a qualcuno. Gli effetti del coronavirus arrivano da 2 a 14 giorni dopo il contagio.

Per non prendere e non diffondere il virus ci sono alcune regole importanti:
– compra o fatti prestare il termometro per misurare la temperatura del tuo corpo. Se la tua temperatura è più alta di 38.5 da più giorni e se non respiri bene e hai tosse, chiama il tuo medico o i numeri gratuiti 112 o 1500. Non andare al pronto soccorso.
– tossisci e starnutisci nel gomito o in un fazzoletto e butta subito il fazzoletto. Dopo lavati subito le mani con acqua e sapone per almeno un minuto.
– non soffiarti il naso nei vestiti.
– non starnutire o respirare in faccia alla gente
– non sputare in giro o per terra.
– lavati le mani con acqua e sapone prima di toccarti la bocca, il naso o gli occhi.
– lavati le mani con acqua e sapone spesso e ogni volta che torni a casa.
– stai sempre ad almeno un metro di distanza dalle altre persone anche quando fai la fila per il bagno per la doccia o al bar.
– stai a casa e spostati poco.
– puoi spostarti solo per motivi di lavoro e di salute o per le emergenze!
– le scuole sono tutte chiuse, ma spesso fanno lezione su internet: puoi seguire le lezioni sul telefono o sul computer, chiama la scuola per avere informazioni.
– non bere dallo stesso bicchiere o bottiglia di un’altra persona e non condividere le stesse posate che metti in bocca.
– se non hai mascherine ti puoi coprire la bocca e il naso anche con un foulard o altro che però devi lavare tutti i giorni.
– pulisci le superfici con disinfettanti a base di alcol
– non ci sono cerimonie nelle chiese, nelle moschee e nei luoghi di culto. Non puoi fare feste e incontri con più̀ persone nei luoghi pubblici.
– le farmacie e i negozi che vendono cibo sono aperti e hanno tutti i prodotti, ma possono entrare poche persone alla volta.

Le regole sono facili da seguire e servono a non diffondere la malattia! Rispettale per te e per chi ti sta intorno!
Per qualsiasi aiuto o necessità contatta i numeri dell’Associazione Cittadini del Mondo dalle 10.00 alle 16.00: Dottoressa Donatella D’Angelo : 33460854053899112893.


Inglese

Attention!
This message contains important information about illness caused by coronavirus.

The new coronavirus can cause high temperatures, coughing, difficulty in breathing and pneumonia. Its effects can be mild or serious. Only in a few cases does it cause death, usually in persons who already have health problems, especially lung problems such as those associated with tuberculosis.
The coronavirus is transmitted from one person to another by means of drops of saliva and breathing. We can pass on the virus when we cough or touch a perso, or if we are very near somebody. The effects of the coronavirus are felt from 2-14 days after being infected.

In order not to catch or pass on the virus it is important to follow these rules:

– buy or borrow a thermometer and measure the temperature of your body. If your temperature is higher than 38.5 for several days and if you have difficulty breathing and are coughing, call your doctor, or the free numbers 112 or 1500. Do not go to an emergency room.
– if you have to cough or sneeze do so in the angle of your elbow all in a paper handkerchief and throw the handkerchief away immediately. Then immediately wash your hands with soap and water for at least a minute.Do not blow or wipe your nose in your clothes. Do not sneeze or breathe in people’s faces.
– Do not spit even on the ground.Wash your hands with soap and water before touching your mouth, nose or eyes.Wash your hands with soap and water often and every time you return home.Keep at least one metre away from other people, also when queing for the bathroom or shower and at the bar. Stay at home and move around as little as possible.You can move around only for work reasons, for health reasons or for emergencies!The schools are all closed, but very often organize lessons online: you can follow lessons on your telephone all computer. Call the school for information.Do not drink from the same glass or bottle as another person and do not share knives, forks or spoons especially if put in the mouth.
– If you do not have a mask you can cover your mouth and nose with a scarf or something similar but you must wash it every day. Clean all surfaces with alcohol-based disinfectant.No ceremonies are being held in churches, mosques or any place of worship. You cannot hold festivities or meetings in public places.Pharmacies and food shops are open and well supplied, but only a few people can’t enter at a time.

– THE RULES ARE SIMPLE AND EASY TO FOLLOW AND NECESSARY IN ORDER NOT TO SPREAD ILLNESS. PLEASE RESPECT THEM FOR YOUR OWN GOOD AND FOR GOOD OF THOSE AROUND YOU.

IF YOU NEED HELP CONTACT THE ASSOCIAZIONE CITTADINI DEL MONDO BETWEEN 10.00 A.M. AND 4PM AT THE FOLLOWING NUMBERS: 3346085405 (DR, D’ANGELO) 3899112893.

 


Somalo

caabuqa caronavirus wax yaalaha lagu garto hargabka qufaca iyo inaad neefsashada dhib kugu noqoto. dadka unugul inuu ku dhac xanunkaan. dadka qaban xanunada qatarta ah. waxaa macqul ah iney u dhintaan dadka taas qatar igu jiro waxaa kamid ah. dadka waayelada ah iyo caruurta gara ahaan dadka xanunada kudhaca sababada qaba sida tiiibishada iyo iyo neefta. caronavirus waxaa fudud sida la iskugu gudbiyo qofba qofka kale sida tusale ahan qofka waxuu kugu gudbin karaa dhibac kaso baxday afkiisa asago kula hadlayo taas oo kusoo gaartay
caronavirus calamadahan dadka ayaa iskugu gudbiyo . qufaca inaad qofka taabato ama salanto iyo inaad qofkaas saaid igu dhawaato qofka waxuu kaga soo muqan karaaa caabuqa caronavirus labo bari ama toban iyo afar bari 2/ama /14maalin
si adan uqaadin xanunkaan caronavirus waxaa muhiim ah inaad qadato talooyinkan
muhiimka ah! waxaad soo amaahataa ama soo gadataa qalabka lagu cabiro xaraarada qofka ama heerkulka qadhada hadii dhaqandada eey kasara marto 38.5 iyo bar maalmo isku xig xigo ama aad isku aragto iney neefta kugu tahay dhig ama qufac fadlan laxariir dhaqtarkaka ama labaradaan waa lacag la aan 112 ama 1500 ha aadin meesha amagenziga ama gar kaarka dag dag ah
markaaa qufaceyso ama hidhiseyso hadusan kaa ag dhawen sufaleeti is ticmal gacanta halkey kalaamato xusulka agtiisa ama is ticmaal faasuleti kadibna si dag dag ah utuur kadib gacmahaaga dhaq saabuun iyo biyo ugu yaraan hal daqiiqo dhaqitanka kuwad
ha usticmalin dharkaa xiran tahay sankaka
haku neefsan ama ku hidhisin dadka wajigooda ama agtooda haku tufin cadhuuf jidka ama meel aan lugu talo galin
gacmahaaga ku dhaq biyo iyo saabuun intaa taban afkaka iyo sankaka iyo idhahaaga gacmahaaga ku dhaq saboon mar kaste oo aad kusoo laabato
dadka ka fagow igu yaraan hal mitir garaahaan markaa musqusha sudeyso ama mayaadaha gurigaga joog bixitanka bananka yarey
waxaad ubaxi kartaa shaqo kaliya ama caafimaad ama xalad dag dag ah
iskuulaadka dhamad waa xiran yahiin cashirada waxaa lagu siinayaa ardayda qadka online ah ama taleedanaka aka kuputarka iskulka wax si aad u hesho informashinka oo dhameystiran
haku cabin qof koob uu ku cabay ama ha la is ticmaalin cid kale waxaad adiga cabeyso ama haku cabin mesha uu ka cabay asaga
hadii aadan heysan wax aad kutaboolato afka ama sanka waxaad is ticmaali kartaa maro ama shaarbo lkn waa ina dhaqdaa malin kaste
waxaad dhulka ama guriga u isticmaasha inaa ku dhaqdo aaal col
masaajidada iyo kaaniisadaga iyo meelaha la iskugu imaado iyo waa xiran tahiin kuligood mana la ogolo in meel iskugu tagaan dad badan ama eey feesto suubiyaan
farmashiyaana iyo dukaamada lagu gado cundada waa furan tahiin dhamantood lkn waxaa lagu galayaa saf ama hal hal qof si loo ilaaliyo inuusan faafin cudurka
sharciga waa fudud yahya in la ilaaliyo ama lagu dhaqmo nala ilaali saan dhamanteen u badbaano mahadsanidiin
Wixii caawimaad ah ama baahi ah, kala xiriir lambarada Muwaadiniinta Ururka Caalamiga ah laga bilaabo 10.00 illaa 16.00:Dottoressa D’Angelo 3346085405, 3899112893


Amarico

ለግንዛቤ
ይህ ስለ አዲሱ በሽታ ስለ ኮሮና ቫይረስ ለጥንቃቄ ይረዳ ዘንድ ትክክለኛ እና ጠቃሚ መረጃ የያዘ መልእክት ነው ።
የኮሮና ቫይረስ ወይም በኮሮና ቫይረስ የተያዘ ሰው የሚያሳያቸው ምልክቶች ።
ትኩሳት ÷ ሃይለኛ ሳል እና የመተንፈስ ችግር በትቂቱ ናቸው እንዲህ አይነት ምልክት ስናይ በፍጥነት ለግል ደክተሮቻችንን በማሳወቅ ህክምና ካላገኘን ውጤቱ የከፋ ሆኖ ለሞት ይዳርገናል ። ኮሮና ቫይረስ የመተንፈሻ አካላቶችን በፍጥነት በማጥቃት ለሞት የሚያበቃ ጉንፋን መሰል በሽታ ነው ይህ በሽታ ይበልጥ የሚያጠቃው በሌላ በሽታ የተያዘን ሰው ሲሆን ከነዚህም ውስጥ በአስም ÷በስኳር ÷በደም ብዛት የተያዘ ሰው በኮሮና ቫይረስ የመያዝ እድሉ ከፍ ያለ ነው ስለዚህ ከሌሎች ሰወች በይበልጥ በነኝህ ብሽታወች የተጠቃ ሰው ከፍተኛ ጥንቃቄ ሊያደርጉ ይገባል ።
+ በኮሮና ቫይረስ የተያዘ ሰው ከ 2 እስከ14 ቀን ባለው ቀን ውስጥ ምልክቶችን ያሳያል ።
+ለኮሮና ቫይረስ ተቀራራቢ የሆነምልክቶች ስናይ ወይም ለቫይረሱ የተጋለጥንበት ሁኔታ ካለ ቅድሚያ ልናደርጋቸው የሚገቡ ነገሮች
* በተደጋጋሚ የሙቀት መጠናችንን (ትኩሳታችንን ) በሙቀት መለኪያ መለካትና 38.5 እና ከዚህ በላይ የሙቀት መጠን ካለን እና የመተንፈስ ችግር ወይም የማሳል ምልክቶች ከተከሰቱብን በቅድሚያ የግል ዶክቶሮቻችን ጋር በመደወልለ በበትክክል በማስረዳት ፈጣን መፍትሄ ማግኘት ካልሆነ ግን ለዚሁ ችግር በተከፈተው 112 ወይም 1500 ላይ በመደወል ፈጣን እርዳታ ለማግኘት መጣር እንጂ በማንኛውም ሁኔታ በቀጥታ ሆስፒታል በግል መሄድ የተከለከለ ነው።
++ ኮሮና ቫይረስ እንዳይተላለፍብን ወይንም እኛ ወደሰው እንዳናስተላልፍ የሚወሰዱ ጥንቃቄወች +++
* ከመሳሳም መቆጠብ
*ብዙ ሰው የሚገኝበት ቦታ አለመገኘት
*ውጭ ቆይተን ወደቤታችን በተመለን ግዜ አይናችን አፍንጫችንን አፋችንንከመንካታችን በፊት እጂን በሳሙና ቢያንስ ለአንድ ደቂቃ አሽቶ መታጠብ ።
* አፍንጫን በለበሱት ልብስ አለማፅዳት ።
*ሲያስለን ወይም ሲያስነጥሰን ወደመሬት አለማጎንበስ ሲያስነጥሰን ወይም ሲያስለን በሶፍት ላይ በመጠቀም ወዲውኑ ወደ ቆሻሻ መጣያ ውስጥ መጣል እንጂ በእጂ ይዞ አለመቆየት ።
* ከፊት ለፊት ወዳለ ሰው መተንፈስም ሆነ ምራቅ አለመትፋት
*ሀክታን ወይንም ምራቅን መሬት ላይ አለመትፋት ።
* ሰወች በተጠቀሙበት የመመገቢያ እቃዎች አለመጠቀም በግል የራስን መጠቀሚ ቁሶችን ማዘጋጀት።
* የምንጠቀምባቸውን ቁሶች በሙሉ ከመጠቀማችን በፊት አልኮል ባለው ማፅጃ ማፅዳት ።
*ሰወች በሚበዙበት ቦታወች አለመገኘት ግዴታ የምንገኝ ከሆነ ግን ቢያንስ አንድ ሜትር ያህል እርቆ መቆም ።
*ማስካራ መጠቀም ማስካራ ከሌለን አፍና አፍንጫችንን የሚሸፍን እስካርፕ ማድረግ ግዴታ ሲሆን የተቀሙበትን እስካርፕ በየቀኑ ማጠብ
+++ ሌሎች ኢንፎርሜሽኖች +++ ** በዚህ ቫይረስ ምክንያት ትምህርት ቤቶች ዝግ ቢሆኑም የትምህርቱ ግን በኢንቴርኔት እየተሰጠ ስለሆነ ይወጡ ልክ በኮንፒውተር መከታተል ይቻላል ስለ ትምህርት አሰጣጡ ወደ ትምህርት ቤቶች በኢሜል በመጠየቅ ይበልጥ መረጃጀጠየቅ ይቻላል ።
**የእምነት ቦታወች ቤተክርስትያናት መስኪዶች የባህል ማዘጋጃ ቢሮዎች ዝግ ናቸው ።
** በአንፃሩ ፈርማሲወች የምግብ የመጠጥ መሸጫ ሱቆች ክፍት ሲሆኑ በየተራ የተወሰኑ ሰወች እየገቡ እንዲገዙ ተፈቅዷል ።
++ እነኝህን ህግ እና ደንብ ያላከበረ እስር እና የገንዘብ ቅጣት ይቀጣል ++
እርስዎም ከላይ ለጥንቃቄ የተገለፁትን ህግና ደንቦች ጠቃሚ መረጃወች ለጓደኛዎ በማጋራት ሸር በማድረግ ይህ ክፉ ቫይረስ ይበልጥ እንዳይስፋፋ የበኩልዎን ግዴታ ይወጡ ።
ለህክምና እንዲሁም ለተለያዩ ጤና ነክ ኢንፎርሜሽኖች
ASSOCIAZIONE CITTADINI DELL MONDO
ቢሮ ጋር ከጠዋቱ 10:00 እስከ ቀኑ 16:00 ድረስ በስልክ ቁ 3346085405 ወይንም 3899112893 በመደወል የዘወትር ተባባሪያችን እረዳታችንን ዶቴሬሳ ዲ አንጀሎን ማነጋገ ይቻላል ።


Tigrino

ምልክታት ናይ ኮሮና ቫይረስ
1/ ረስኒ
2/ሰዓል
3/ሕፅረት ትንፋስ
3/ረኽሲ ሳንቡእ ኢዮም።
በt ሕማም ምስ ተታሓዝካ ድሕሪ 2 ክሳብ 14 መዓልቲታት ዘሎ ምልክታት ክትርኢ ትጅምር።
ብኸመይ ይመሓላለፍ
1/ምራቕ ናይ ጡፍታፍ
2/ብምስትንፋስ
3/ሰላምታ ብኢድ ንዝሓመመ ሰብ
4/ዝሓመመ ሰብ ኣብ ጥቃካ ኮይኑ ምስ ዝስዕል እቲ ቫይረስ ናባካ ይሓልፍ።
ንብዝሕ ዝበለ መዓልቲ ረስኒ ናይ ነብስኻ 38;5 እንተ ኮይኑ;ሕፅረት ትንፋስ;ሰዓል እንተ ገይርልካ ንሓኪምካ ደውል ወይ ናብዞም ቁፅሪ ደውል 112 ወይ 1500 ደውል።ናብ ሕክምና ከይትከይድ ብተልፎን ምስ ሓኪም ተዛረብ።
ክንገብሮ ዘለና ጥንቃቀታት
1/እንጥሾ ወይ ክንስዕል ከለና ሶፍት ክንጥከም ኣለና ሶፍት ምስ ዘይህልወና ግን ኣብ ምናትና ወይ ብርኪአድና እንጥሾ ክንብል ኣለና። 2/ብድሕሪኡ እታ ሶፍት ደርብና ቀልጢፍና ኢድና ብማይን ሳምናን ንሓደ ደቂቅ ዝኸውን ክንሕትጸብ ኣለና።
3/ምራቅና ወይጥፍጣፍና ኣብ ዝኾነ ቦታ ጡፍ ኣይንበል።
4/ኣብ ሞንጎናን ኣብ ሞንጎ ካልኦት ሰባት ሓደ ሜትሮ ርሕቀት ክህሉ ኣለዎ።
5/ኣገዳሲ ናይ ስራሕ ወይ ናይ ጥዕና ጉዳይ አንተ ዘይኮይኑ ካብ ገዛ ክንወትጽእ የብልናን።
6/ካልእ ሰብ ዝሰተየሉ ወይ ዝበላዓሉ ከይሓትጸብካ ኣይትተቀመሉ።
7/ማስከራ መከላኸሊ አንተ ዘይብልካ ሽኮነ ሻርባ ገርካ ኣፍካ ሸፍኖ መዓልታዊ ግን ክሕትጸብ ኣለዎ።
8/ገዛኻን ኣቁሑት ገዛኻን ብ ኣልኮል ወልውሎ።
ኩሉ ቤት ትምህርቲ;ቤተክርስትያን;መስጊድ ኣብዚ ሰዓት አዚ ዕጹው አዩ።አቶም ትምህርቲ ዘለኩም ብርሕቀት ኣብ ገዛ ማለት ኦን ላይን ክትማሃሩ ትኽእሉ አኹም።ኣብ አንዳ ውራይ ምኻድ ኣብ እኩብ ሰብ ዘለዎ ቦታ ምኻድ ኣየድልን አዩ።
ፋርማስን ሱበርማርከት ክፉት አዩ;ግን ብርጋን በብቁሩብ ክትኣቱ ኣለካ። ከምዚ አንተ ገርና ጥራሕ አና ነዚ ሕማም ጠጠው ከነብሎ ንኽእል;አዚ ካኣ ናይ ኩላትና ሓላፍነት አዩ።
ንዝኾነ ሓገዝ ምስ ዘድልየኩም ን ‘Associazione Cittadini del Mondo’ደውሉ. Dottoressa D’Angelo 33460854053899112893.


Arabo

تنبيه هام
.هذه الرسالة تحمل في طياتها معلومات مهمة حول فيروس كورونا المستجد :
. الفيروس المستجد كورونا قد يسبب ارتفاع في درجة الحرارة، سعال، صعوبة في التنفس، وله آثار ضعيفة أو قوية وممكن ان يؤدي الى الموت في بعض الحالات وخاصة الحالات المصابة بأمراض مزمنة مثل ( أمراض القلب، الالتهاب الرؤي، أو مرض السل الرؤي ).
. الفيروس المستجد كورونا ينتقل من شخص إلى آخر عن طريق العاب أو التنفس أو السعال أو لمس ومصافحة الأشخاص عن قرب.
. أعراض الفيروس المستجد كورونا تبدأ في الظهور خلال يومين إلى 14 يوم من العدوى.
. من أجل سلامتك ولمنع انتشار المرض يجب بعض القواعد :
شراء أو استعارة مقياس الحرارة لقياس درجة حرارة الجسم، إذا وصلت درجة الحرارة إلى أعلى من 38،5 مع صعوبة التنفس مع السعال فيجب عليك الاتصال بطبيك الخاص او الأرقام المجانية 112- 1500 ولا يجب عليك الذهاب إلى المستشفى.
السعال أو العطس يجب أن يتم عبر منديل أو في الكوع والتخلص من المنديل في صندوق الزباله وغسل اليدين بالماء والصابون لمدة دقيقة على الأقل.
– لا تسعل أو تتنفس بالقرب من اوجه الناس ولا تبقى على الأرض.
– اغسل يديك جيدا بالماء والصابون قبائل أن تلمس فمك أو وجهك إلى عينيك وعندما تعود من الخارج عاود الغسيل.
– عندما تتحدث الي شخص ما في طابور أو بالقرب من الدش أو البار يجب أن تكون المسافة لا تقل عن متر.
-كل المدارس مغلقة بسبب الفيروس وفي بعض الأحيان تتم الدروس عبر الإنترنت أو التليفون، وإذا أردت اي معلومات تحدث عبر الهاتف مع المدرسة .
-يجب عليك المكوث في المنزل ولا تتحرك إلا في أضيق الحدود ( مثل العمل، الذهاب إلى السوبرماركت أو الصيدلية. )
لا تشرب من نفس الكوب أو الزجاجة المستعملة من قبل أحد الأشخاص.
لا تتقاسم أدوات المائدة مع احد.
إذا لم يكن لديك كمامة فيمكنك استخدام الفولار لتغطية الفم والأنف مع غسل الفولار يوميا.
نظف الأسطح بمطهرات تحتوي على مادة الكحول.
كل أماكن العبادة مغلقة ولا توجد صلوات جماعية سواء في الكنائس أو المساجد.
ممنوع التجمع أو عمل حفلات جماعية لعدم انتشار العدوى.
الصيدليات وأماكن بيع الأكل والشرب مفتوحة ويسمح بدخول عدد قليل من الناس داخلها في كل مرة.
القواعد سهلة ويجب العمل بها لمنع انتشار العدوى.- إذا أردت الاستعلام عن أي شيء يمكنك التحدث مع جمعية مواطنين حول العالم من الساعة 10:00 إلى الساعة 16:00 عن طريق هذه الأرقام –3899112893 3346085405 .
دكتورة دوناتلا دانجلو.

 

 

Un caso di tenacia

La scelta del caso clinico da condividere con i nostri lettori questa volta è stata mossa dalla voglia di raccontare una bella storia, una “allegra”. Di storie a Palazzo Selam ce ne sono davvero tante e ognuna parla, a suo modo, nella sua unicità, di coraggio e determinazione, presenti sicuramente all’inizio della storia migratoria di ciascuno quando la forza da tirar fuori per arrivare fino a qui ha il suono di un ruggito. Quando poi la destinazione di questo lungo viaggio sembra proprio essere Palazzo Selam, ogni storia prende un colore diverso: chi si arrabbia, chi si butta giù, chi dispera, chi spera, chi lavora sodo per mantenere la famiglia lasciata indietro, chi non lavora e si perde, chi sogna di riunire la famiglia, chi non sogna più perché ha perso ormai il sonno da tempo. Sarà forse la primavera anticipata a tirar fuori dal cilindro una storia portatrice di un messaggio positivo, ovvero quello di perseverare sempre, con tenacia e coraggio. Storia dedicata agli abitanti di Selam, che possa essere d’esempio non solo a loro ma in fondo anche a noi.

Questa è la storia di A. Nato in Somalia sessant’anni fa, faceva il fruttivendolo, conduceva una vita semplice condivisa con una moglie lasciata nel suo paese insieme ai loro cinque figli di diciannove, diciassette, sedici, quindici e sei anni. Riuscito ad arrivare in Svezia ma poi costretto a tornare in Italia, tirato indietro da quella molla gigante e orribile che ha il nome di trattato di Dublino. Dal 2016 vive a Selam ma raggiunge il nostro sportello per la prima volta circa un anno fa. Il primo intervento annotato da un nostro operatore così recita: “18/10/2018 – Il signore viene a sportello per motivi sanitari […] inoltre non ci sente molto bene, il mediatore è costretto ad alzare molto la voce. Date indicazioni per richiedere la residenza fittizia”.

Parla solo somalo. Ed è anche un po’ duro d’orecchio. Giunge allo sportello sanitario per un dolore al ginocchio per cui aveva effettuato accertamenti in ospedale, attraverso il pronto soccorso, per cui gli prescrivevano un antinfiammatorio. Viene visitato da noi e incoraggiato a regolarizzare in tempi brevi residenza e iscrizione al sistema sanitario per poter effettuare ulteriori accertamenti. Lo rivediamo parecchi mesi dopo, agitato e preoccupato, accompagnato da un amico, ci mostra la lettera di dimissione da una casa di cura dove era stato portato in ambulanza dopo aver avuto uno svenimento in strada. In realtà si era trattato di una crisi iperglicemica e la diagnosi era di diabete. Gli operatori sociali si danno da fare per avviare le pratiche per l’iscrizione anagrafica vista l’urgenza sanitaria. A. ha bisogno urgente di insulina ed è visibilmente preoccupato. Deve sbrigare le pratiche il prima possibile e ne è consapevole. La fronte è madida di sudore mentre ci ascolta tutto concentrato, gli diamo indicazioni dietetiche e lo esortiamo a interrompere il Ramadan che con i suoi lunghi digiuni è impraticabile per un soggetto diabetico. Non avendo a disposizione insulina nel nostro ambulatorio, gli consigliamo di rivolgersi alla Caritas per provare a reperire l’insulina di cui ha bisogno.

Dopo un’ora di colloquio tra incomprensioni ad alto volume ed insistenze da parte sua a provare a curarsi con le “pillole”, come fa un suo amico, ci confessa che uscito dall’ospedale, tanta era la paura di sentirsi di nuovo male che con i pochi spicci che aveva in tasca era riuscito a comprarsi una penna d’insulina. Ce la porta ma la penna è nuova, mai usata. Ci dice che ha paura e che non riesce a farsi le iniezioni e che non aveva capito nulla delle indicazioni che gli avevano dato. Gli spieghiamo come usarla, gli consegniamo un glucometro dotato di strisce e lancette e gli spieghiamo di misurare la sua glicemia prima di mangiare e a due ore dai pasti. Ci rendiamo conto della difficoltà estrema in cui A. si imbatterà nel barcamenarsi tra aggeggi mai usati prima, numeri e calcoli, diario glicemico da compilare, iniezioni di cui ha timore. Viene istruito di tutti i rischi che corre, una dose di insulina troppo alta può ucciderlo. Dopo tanto insistere nel ripetere le istruzioni, scritte anche in somalo, da seguire come una preghiera, A. ha in mano una bomba ad orologeria. Gli diamo fiducia ma il rischio è molto alto.

Dopo una settimana lo vediamo tra la fila di utenti agitando le sue braccia lunghe per salutarci. Anche noi felicissimi di rivederlo. Vuol dire che tutto sommato non si è ammazzato. Non ci porta il diario con le misurazioni di glicemia perché aveva finito le strisce e le lancette, materiale tutto sprecato in tentativi miseramente falliti. In compenso ci fa vedere la sua busta della spesa con scatolette di tonno e di fagioli aspettando un cenno di approvazione da parte nostra. Tutto contento di aver iniziato a capire cosa poter mangiare e cosa no, diventa inarrestabile e inizia a elencarci tutti i nomi possibili di frutta e verdura per avere un sì o un no da parte nostra. Gli chiediamo come ha assunto l’insulina per verificare la sua comprensione e ci risponde che quella sera ad esempio aveva appena mangiato e che subito dopo si era sparato una dose di insulina senza controllare la glicemia! Gli spieghiamo di nuovo che la glicemia si misura o prima di mangiare o dopo due ore dal pasto e che in base al valore glicemico deve adeguare la dose insulinica. Capiamo la complicatezza della faccenda ma c’è una difficoltà a monte: impieghiamo molto tempo a fargli capire il significato (in somalo, nella sua lingua) delle parole “prima” e “dopo”. Anche se scappa qualche risata per l’assurdità dell’incomprensione, ci rendiamo conto a questo punto che la questione è troppo grande per lui da gestire, quindi tagliando la testa al toro gli facciamo assumere solo l’insulina serale perché troppo rischiose le assunzioni diurne d’insulina “a caso” ma insistiamo sul compilare il diario glicemico prima di cenare e dopo due ore dalla cena. Passo dopo passo, chiarendo il concetto di “prima e dopo”. Con la sua figura longilinea riappare dopo due settimane, con una faccia soddisfatta e sorridente mentre gli altri utenti lo guardano esasperati perché prevedono il tempo che ci metterà a sportello e che quindi dovranno attendere un bel po’ il loro turno. Anche noi ci armiamo di pazienza e ci mostra il diario che diligentemente aveva compilato: pieno di misurazioni, anche quattro misurazioni al giorno, tutti i giorni, con valori glicemici entro la norma. Capito il funzionamento del glucometro si era sbizzarrito in ripetute misurazioni, purtroppo solo pre-prandiali. Ma vista la sua capacità di perseverare nonostante l’ardua impresa, insistiamo anche noi: gli chiediamo di continuare la terapia allo stesso modo ma di misurare la glicemia anche a due ore dopo cena. Nel frattempo continuano le pratiche per sistemare la residenza in modo da avere finalmente una consulenza diabetologica. Arriviamo al giovedì seguente e A. è il primo della fila, pronto alla verifica settimanale. Questa volta il diario è correttamente compilato, valori pre e post-prandiali presenti e soprattutto valori glicemici ancora nella norma. Esplode in sorrisi e battute per la contentezza. Incontenibile A.! Ma rimane l’urgenza della visita diabetologica e di un piano terapeutico così gli operatori sociali, dopo vari insuccessi nel far recapitare la documentazione di A. presso il municipio (ah, il buon vecchio fax!), si recano di persona presso gli uffici municipali per assicurarsi che A. ottenga la residenza fittizia al più presto. Finalmente così la ottiene, si iscrive al sistema sanitario nazionale e con la ricetta medica si reca presso un ambulatorio di diabetologia ma per accedere alla prima visita gli richiedono delle analisi del sangue, che può effettuare direttamente lì, a un costo totale di 80 euro. A. sconsolato torna da noi; gli spieghiamo che potrà richiedere l’esenzione per patologia e che quindi i prossimi controlli saranno per lui gratuiti ma deve necessariamente pagare la prima visita per avere una diagnosi di diabete emessa da un ente pubblico con cui poi richiedere l’esenzione. Di fronte all’ennesima difficoltà A. non si arrende, ci dice che lui quegli 80 euro non li ha ma che troverà il modo per averli.

Un giorno si presenta da solo allo studio della dottoressa Donatella D’Angelo e parlando in somalo tenta di comunicarle qualcosa. Solo in seguito veniamo a sapere che si è presentato anche all’uscita del lavoro di una nostra mediatrice somala per avere delucidazioni sulle analisi che doveva portare in visita. Dopo qualche giorno va dal diabetologo, il giovedì sera seguente ci porta il referto con la diagnosi e con i risultati delle analisi del sangue ma tra i vari fogli non troviamo nessun piano terapeutico. Dice che il diabetologo non gli ha dato nient’altro ma dopo un po’, grondante di sudore, ammette di averlo perso sul bus nel tragitto ambulatorio-casa. Ci chiede scusa. Da lì in poi tutto è andato liscio per A. grazie alla sua tenacia, al nostro impegno e a un po’ di fortuna. E’ seguito regolarmente dal diabetologo, ha un piano terapeutico, un’esenzione valida e soprattutto un perfetto controllo glicemico.

Le problematiche odontoiatriche dei rifugiati di Palazzo Selam

Il tema affrontato in questo articolo dallo sportello sanitario di Cittadini del Mondo riguarda i problemi odontoiatrici presentati dagli abitanti di Palazzo Selam. Come avrete già notato dai casi clinici precedentemente pubblicati, le patologie che noi medici solitamente affrontiamo nella nostra attività clinica sono le stesse condizione morbose che affliggono la popolazione occidentale ma che vengono esacerbate dalle difficoltà economiche e di accesso ai servizi e alle terapie. E’ evidente che la precarietà economica influenzi negativamente la salute di un individuo e che esistano alcune cure particolarmente dispendiose a livello economico che non rientrano tra le prestazioni offerte dal SSN. Le cure odontoiatriche sono precisamente quelle che presentano maggiori “barriere” all’accesso e che all’interno del nostro ambulatorio sono praticamente impossibili da attuare, se non attraverso trattamenti sintomatologici con farmaci antidolorifici, antinfiammatori e antibiotici quando necessario.

Durante l’attività dello sportello sanitario a Palazzo Selam continuiamo a intercettare casi di affezioni del cavo orale come carie dentali e malattie gengivali, le più comuni e anche le più prevenibili con semplici misure di igiene orale. Per questo motivo distribuiamo kit contenenti spazzolino e dentifricio e spieghiamo come usarli nel modo corretto perché in molti nel palazzo sono ignari del rischio di poter perdere i propri denti per trascuratezza. Oltre a questi semplici interventi di prevenzione primaria, proviamo a individuare il più precocemente possibile tutti quei disturbi del cavo orale che in mancanza di cure portano inevitabilmente alla perdita degli elementi dentali. Purtroppo tanti di loro sono già edentuli ma nei soggetti più giovani la situazione che frequentemente constatiamo all’esame della bocca risulta gravemente compromessa dalla coesistenza di discromie dentali peculiari, di carie, di parodontiti con recessione gengivale, sanguinamento gengivale e tasche periodontali. L’unico intervento appropriato sarebbe la programmazione di un trattamento adeguato, complesso e mirato non solo alla risoluzione del dolore che spesso si accompagna a tali disturbi ma anche e soprattutto alla preservazione degli elementi dentali. Si tratta di cure lunghe e costose e invece quello che osserviamo in coloro che riescono ad accedere a cure “di fortuna” è la mancanza di denti a seguito di estrazioni dentali, interventi meno costosi e più immediati per alleviare il dolore.

L’edentulia è infatti condizione comune tra la popolazione afflitta dalla povertà ed è purtroppo il risultato di cure drastiche “alla vecchia maniera”. Al contrario, i trattamenti odontoiatrici moderni cercano in tutti i modi di preservare i denti del paziente poiché la malocclusione che consegue all’edentulia porta a gravi ripercussioni sullo stato generale di salute della persona. Di queste conseguenze gli abitanti del palazzo ne sono del tutto inconsapevoli. L’obiettivo primario è dunque quello di migliorare la percezione del proprio stato di salute orale per identificare le patologie negli stadi precoci ed evitare le suddette conseguenze. Che le problematiche odontoiatriche abbiano un’alta prevalenza tra la popolazione di Palazzo Selam rientra nel novero delle cose prevedibili almeno per chi nella sua professione ha a che fare con la povertà ma quello che colpisce come medico è la gravità dei quadri odontostomatologici in sede di prima visita medica, soprattutto nei soggetti giovani.

Uno degli ultimi casi affrontati a sportello è stato quello di un 27enne somalo che presentava un’evidente mobilità di quasi tutti gli elementi dentali. Tale presentazione clinica drammatica ci deve far supporre la coesistenza di vari fattori che hanno portato in breve tempo, vista la giovane età, a una letterale distruzione dell’apparato di sostegno dei denti. Il ragionamento clinico dunque deve andare oltre i soliti schemi a cui si è abituati e ci si chiede dell’esistenza di un ulteriore fattore che rimane misconosciuto, almeno inizialmente, a un medico che non conosce a fondo le abitudini di altre culture, come quella africana. Altra peculiare anomalia, ulteriore indizio di un tassello mancante nell’eziologia di tali condizioni, è la rilevazione di evidenti discromie dentali la cui colorazione bruno-rossastra non è riconducibile ai fattori noti all’esperienza clinica occidentale (macchie da tabacco o da farmaci o da amalgame utilizzate fino a qualche anno fa per le riparazioni dentali). Nel tentativo di tracciare un profilo comune dei pazienti con questo tipo di problematiche odontoiatriche possiamo affermare che si tratta di: giovani, somali, “dublinati” i cui continui spostamenti all’interno dei confini europei determinano un aggravarsi di una situazione dentaria già critica all’arrivo a causa di una forte instabilità di dimora, base imprescindibile e non proprio laterale al mantenimento di un buono stato di salute.

Come è noto da tempo in ambito di salute globale, anche la nostra esperienza a Palazzo Selam ci ha sempre confermato che non sono i fattori biologi ma i cosiddetti determinanti sociali della salute a esacerbare le malattie: politiche, elementi culturali, disponibilità di risorse, livello di istruzione, stato occupazionale, condizioni abitative. Pertanto anche le malattie odontoiatriche presentate dalla nostra utenza condividono gli stessi determinanti sociali: povertà e fattori di rischio comuni come una dieta non salutare, in particolare con un alto contenuto di zuccheri, uso di tabacco e alcol. Quel fattore silente alla fine è emerso dalla storia pregressa di alcuni abitanti del palazzo, soprattutto in quelli con le alterazioni più gravi: tanti di loro hanno fatto uso cronico di qat, termine in lingua araba che indica la pianta Catha edulis. Dal 1980 è stato inserito tra le sostanze stupefacenti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità tra le più diffuse al mondo con circa 20 milioni di consumatori abituali. Il qat è la droga più comune del Corno d’Africa e della penisola arabica, soprattutto in Yemen. E’ una droga naturale: la pianta Catha edulis viene coltivata in Africa orientale e nel sud della penisola arabica le cui condizioni climatiche e ambientali condizionano la composizione chimica delle foglie. Cresce anche in condizioni di siccità e il prodotto che ne risulta è una sostanza anfetaminica. Le foglie vengono tenute in bocca e bagnate con la saliva e masticate per estrarne un succo dal sapore amaro che viene poi ingerito, contenente il principio attivo, la catina, che ha un effetto stimolante ed euforizzante. Nota anche come foglia di Allah, la masticazione del qat è profondamente ancorata agli usi e costumi delle popolazioni indigene; venendo consumato in rituali importanti dal punto di vista religioso e sociale, come circoncisioni e matrimoni, ha da sempre mantenuto il suo aspetto di coesione sociale permettendo l’incontro e lo scambio di informazioni all’interno della comunità. Ma a questo aspetto socio-antropologico si sovrappone quello dato dall’effetto stimolante che viene sfruttato dai lavoratori per essere più efficienti e produttivi. Questa sensazione di “benessere” ne promuove l’assunzione trascurando gli effetti negativi che la sostanza induce. Gli effetti a breve termine sono: dilatazione delle pupille, tachicardia, rossore al viso, aumento della temperatura corporea, sudorazione, disidratazione, irrequietezza. Dopo la discesa degli effetti compaiono depressione, irritabilità, perdita d’appetito, insonnia, dolori crampiformi allo stomaco, costipazione e ritenzione urinaria. Gli effetti a lungo termine sono: deterioramento dei denti, malattie parodontali, discromie dentali, insonnia, disordini gastrointestinali come costipazione, gastriti e ulcere, aumento del rischio di tumori del tratto gastrointestinale superiore, disordini cardiovascolari come ipertensione, aritmie cardiache e infarto del miocardio. Pertanto gli effetti si ripercuotono sull’intero organismo. Inoltre, l’utilizzo solitamente è accompagnato dall’assunzione di notevoli quantità di bevande zuccherate per contrastare il sapore amaro delle foglie, aumentandone l’effetto lesivo sui denti e contribuendo all’insorgenza di altre patologie come diabete e obesità.

L’approfondimento qui trattato su una sostanza stupefacente largamente usata oltre i nostri confini ha la volontà di stimolare soprattutto gli operatori sanitari che hanno a che fare con persone provenienti da altre culture a ricercare altre cause, altri fattori che contribuiscono all’insorgenza di quadri patologici. Osservare e conoscere l’alterità in ambito medico vuol dire anche cambiare il proprio modo di ragionare sulle cause dei processi patologici e tenere sempre sveglia l’attenzione su chi è diverso ma si ammala come noi.

Storia di Stachys

Stachys è una giovane donna etiope che vive a Selam da 10 anni, in Italia ancora da più tempo. Ad aprile 2016 è incinta da due mesi; durante una giornata di sensibilizzazione per l’ipertensione arteriosa organizzata da Cittadini del Mondo, misura casualmente la pressione. La sua pressione sistolica – la “massima”- oscilla tra il 170 e i 190. L’ipertensione in gravidanza può diventare estremamente pericolosa, e i volontari si al- larmano; i medici di Cittadini del Mondo cercano di approfondire la sua storia personale e scoprono che Stachys ha avuto precedentemente un aborto.

Da quel momento gli operatori di CdM iniziano il loro tentativo di inserire Stachys in un percorso pubblico di presa in carico delle gravidanze a rischio. Nonostante i contatti telefonici con le strutture e gli accompagni di Stachys presso i servizi, e nonostante l’instaurarsi di piccole perdite ematiche, il tentativo fallisce. Un ambulatorio ginecologico di un grande ospedale romano la visita e le prescrive le ecografie di controllo, senza fissarle un appuntamento specifico. La pressione continua ad essere alta e, nonostante la particolarità della situazione in cui verte – incinta, pregresso aborto, in condizioni di precarietà sociale ed economica – il medico di CdM è costretto ad impostare lei stessa una terapia antipertensiva.

Grazie alla terapia, l’allarme dell’ipertensione sembra rientrare, ma dopo qualche mese si instaura un dia- bete gestazionale – anche questa condizione è particolarmente pericolosa per una donna in gravidanza e spesso si accompagna alla condizione di ipertensione arteriosa – . Nel frattempo, la condizione familiare di Stachys peggiora; il suo compagno la lascia per partire alla ricerca di un lavoro, senza lasciarle la sicu- rezza di riconoscere la bambina.

Stachys continua ad avere difficoltà nell’inserirsi in un percorso strutturato di cure prenatali, sia per barriere linguistico-culturali sia per l’incapacità dei servizi di prendersene carico. Stachys, come molti pazienti che i medici di CdM incontrano, è una paziente “difficile” per un servizio pubblico: ha più difficoltà ad espri- mersi e a farsi capire, richiedendo quindi più tempo ed attenzioni, e inoltre un approccio costruito sul pa- ziente italiano “medio” – che è più familiare con i concetti di malattia, diagnosi, prevenzione, cura, follow-up, oltreché quelli di impegnativa, prenotazione, ticket, CUP, caposala eccetera – può non essere sufficiente a garantire la cosiddetta “compliance”.

La gravidanza di Stachys, seppur con ecografie prenotate all’ultimo momento e con operatori di CdM che in tutta fretta la accompagnano presso i servizi per gli esami di routine, procede per il verso giusto, e Stachys partorisce una bambina bella e sana.

Ad oggi, la glicemia si è stabilizzata, ma la sua ipertensione non è rientrata; ogni tanto il medico di Stachys deve “prenderla per le orecchie”, misurandole la pressione e ricordandole l’importanza di una terapia con- tinuativa. Un frequente problema che gli operatori di CdM riscontrano riguarda la gestione delle malattie croniche; molti pazienti, infatti, considerano la malattia un evento “momentaneo” che regredisce dopo una terapia, che dunque può essere interrotta quando i valori della pressione, o della glicemia, o dei lipidi, sono rientrati nella norma.
Nonostante le numerose problematiche che vive, come rifugiata, come donna sola con una bambina piccola, in condizioni abitative precarie e un compagno che è quasi sempre fuori per lavoro, Stachys e la figlia con- tinuano ad affrontare la quotidianità, supportate quanto è possibile dai volontari di CdM e dai loro amici a Selam che le fanno comunque sentire a casa.

Storia di Solanum

Abbiamo conosciuto Solanum quasi un anno e mezzo fa, a marzo dello scorso anno. Il suo arrivo ci era stato già preannunciato dal marito, abitante storico di Palazzo Selam, che da tempo aspettava di ricongiungersi a lei e ai suoi bambini.
Appena arrivata dall’Etiopia il suo primo pensiero è stato quello di provare ad inserire subito i due figli alla scuola materna e per questo si è rivolta allo sportello di Cittadini del Mondo.
Ci troviamo a Palazzo Selam, come ogni giovedì sera, nel turbinio delle voci che animano l’ambulatorio. Le voci di chi aspetta il proprio turno, le voci di utenti e operatori all’opera tra un botta e risposta di problemi-soluzioni possibili, le voci dei mediatori che trasformano in suoni comprensibili le nostre e le loro voci… il solito fermento che si insinua nella testa provocando un tale stordimento che razionalizzi solo quando esci da lì.
Mentre gli operatori sociali procedono con la compilazione della scheda della nuova arrivata, ci racconta che ha studiato tanto nel suo paese, che ha conseguito la laurea in Farmacia e Chimica e che ha lavorato come farmacista. Ovviamente non parla una parola di italiano ma ci sorprende la fluidità del suo inglese. Intanto le voci allegre dei suoi bambini che le gironzolano intorno si uniscono al coro di voci dell’ambulatorio.

Noi medici ci avviciniamo a lei per una sua caratteristica che ci aveva colpito. E non serviva proprio un occhio clinico per notarla. Il nostro sguardo si era fermato sulla sua andatura palesemente anomala. Solanum zoppica vistosamente sotto i suoi lunghi abiti. Ci mostra in sede di visita l’aspetto della sua gamba: è deforme, il piede è colpito da gravi malformazioni ossee, alcune ossa sono del tutto assenti e altre sono fuse tra loro, l’intero arto non essendo completamente sviluppato misura 10 cm in meno rispetto al controlaterale e l’appoggio a terra è completamente sbilanciato creando importanti conseguenze su postura e andatura*.
Solo a quel punto incoraggiata da noi ci confessa che è afflitta da dolore cronico alla schiena e alle gambe. Questo non ci sorprende affatto visto che il peso del suo corpo è mal distribuito e le sue articolazioni ne risentono fortemente, e il fatto che non si fosse aperta a parlare da subito del suo problema, ci dimostra come lei abbia la percezione che sia tutto normale o che sia almeno rassegnata alla sua condizione fisica oppure che sia sicuramente ignara del fatto che dolori e limitazioni saranno sempre maggiori.Nonostante la deformità dell’arto le abbia causato una deviazione anatomica tale da determinare una diversità corporea percepita come esteticamente sgradevole, Solanum avrà sicuramente tirato fuori una grande forza perchè la disabilità che ne poteva conseguire è stata da lei stessa limitata. Infatti, ha da sempre condotto una vita normale: ha studiato, ha lavorato, è diventata mamma per ben due volte (e in gravidanza il peso aumenta), svolge le faccende domestiche, cresce due vivaci bambini, ha raggiunto il marito e non ultimo ora vive a Palazzo Selam. Dimostra grande entusiasmo nell’avere una consulenza ortopedica così ci mettiamo all’opera per trovarle uno specialista che possa fare al caso suo.

Preoccupati di provare ad aiutarla da un punto di vista meramente medico-ortopedico, ci siamo posti domande, ahimè senza risposta, anche sugli effetti della sua deformità sulla sua psiche, se è stata fonte di pietismo o pregiudizio, se ha dovuto portare avanti una sorta di battaglia personale contro fenomeni di esclusione sociale nel suo paese, domande lecite visto che a mala pena esiste una cultura dell’alterità a casa nostra, oppure se la sua deformità è stata accettata e tollerata con un atteggiamento fatalista, tipico di un paese del Corno d’Africa dove bisogna tener conto anche dell’appartenenza culturale, etnica e del credo religioso.
Nasce una riflessione spontanea a noi occidentali che siamo abituati a farci curare e correggere qualsiasi imperfezione, a noi per cui l’identità della persona si costruisce sull’immagine di sé piuttosto che sulle capacità, a noi che soffriamo di quel che viene definito dai manuali di psichiatria come dismorfismo corporeo. Ovviamente parliamo di tratti culturali portati all’estremo nelle sue deviazioni ma quello che va sottolineato è che siamo davvero tanto lontani da altre culture. Come si fa a non considerare come priorità un intervento di ricostruzione del piede ad una bambina alla nascita?

Un mese dopo va incontro a un aborto spontaneo. Inizia per noi un grosso impegno nella ricerca di un ortopedico che si possa interessare di un caso così impegnativo. Le spieghiamo che ci stiamo adoperando per trattarla e la mettiamo al corrente che durante la gravidanza non si possono effettuare gli esami radiografici, importanti al suo inquadramento diagnostico.
Dopo un paio di mesi riusciamo a ottenere un appuntamento per lei con un medico che si era reso disponibile e interessato al suo caso, glielo comunichiamo e subito ci arriva inaspettatamente la notizia che Solanum è nuovamente in gravidanza. Tutto da rimandare a 9 mesi. La gravidanza procede splendidamente e nasce una bellissima bambina.
Ma il tempo passa e le occasioni cambiano, così abbiamo dovuto creare nuovi contatti per assicurarle un iter terapeutico ben impostato e duraturo. Chiaramente avendo disponibilità economiche diverse o non avendo tre bambini che le scorrazzano intorno, sarebbe stato più semplice e veloce, ma siamo dovuti arrivare al mese di ottobre di quest’anno per farla visitare da un medico che, dopo accurata analisi, le prescrive esami e farmaci e opta per un trattamento conservativo mediante una calzatura fatta su misura che per Solanum sarà una realtà possibile solo grazie al riconoscimento dell’invalidità completato nei mesi precedenti.
Inizia per lei un percorso terapeutico che va attentamente valutato passo per passo e adattato gradualmente in modo tale da permettere aggiustamenti progressivi all’intero sistema osteomuscolare, per interferire delicatamente e non alterare bruscamente l’equilibrio bislacco su cui Solanum si sostiene da una vita. Un percorso che può restituirle la possibilità di distribuire uniformemente il peso del corpo sulle due gambe, di camminare in modo armonioso senza gravare sulle articolazioni, di continuare a vivere libera o almeno alleggerita dai dolori.
Chissà se Solanum ce la farà perché per anni è stata abituata a pensare che lei, la sua postura, la sua zoppia, i suoi dolori avevano minore dignità nell’essere affrontati e risolti rispetto a tutto il resto.

 

*(arto inferiore dx ipometrico di 10 cm rispetto al controlaterale e con evidenti deformità. Piede dx equino con deformità: assenza di mesopiede, 3 metatarsi e 3 dita con sindattilia)