Scuola di Italiano

La Scuola d’Italiano veicola concretamente i valori fondamentali dell’Associazione: integrazione e intercultura. È il luogo in cui ciascun rifugiato, richiedente asilo o migrante è riconosciuto e si autopercepisce in qualità di studente, e impara a servirsi della lingua in quanto strumento essenziale non solo per uno scopo comunicativo, ma anche per l’autopromozione, la realizzazione personale e l’inclusione sociale.

Attiva da Settembre 2014, nel corso del tempo la scuola si è affermata come un’importante punto di riferimento sul territorio e ha avviato diversi corsi per soddisfare le differenti esigenze degli studenti e coprire tutti i turni disponibili. Inoltre, dall’anno in corso, sono disponibili corsi individuali e personalizzati: sia come recupero per coloro che sono subentrati in corsi già avviati, sia per coloro che hanno esigenza di esercitare la produzione orale o voglia di incrementare l’esposizione.

È un organismo dinamico perché la didattica è orientata e plasmata in base alle esigenze comuni ed individuali del gruppo classe: per quanto alcuni studenti richiedano l’insegnamento di strutture grammaticali, si preferisce evidenziare e fornire esempi di strutture linguistiche, lessico e nozioni socio-pragmatiche adeguati al contesto comunicativo in cui è più probabile che gli apprendenti abbiano necessità di esprimersi.

Ogni singolo corso è strutturato su quattro ore settimanali distribuite in due volte e conta una media effettiva di circa una decina di studenti per lezione, ciascuna guidata da due insegnanti madrelingua, volontari.

Le iniziative promosse sono finalizzate a diversi scopi: sensibilizzare gli studenti su temi di salute psico-fisica (violentometro, nutrizione…) oppure di approfondimento su alcune norme giuridiche (diritti e doveri del cittadino…). Alcune sono state rivolte soprattutto alle donne: oltre alla lezione sulle differenze tra sistema scolastico in Italia e quello dei paesi di provenienza e una lezione sulla corretta alimentazione è stata poi organizzata un’ultima lezione dedicata all’orientamento delle donne e dei loro diritti. Tutto ciò è stato possibile grazie alla stretta collaborazione con il Servizio Civile e lo Sportello Sociale che ha sede nei luoghi dell’associazione. Sono state organizzate delle gite per offrire una maggiore consapevolezza rispetto al territorio e alla città, ad esempio una lezione al parco dell’Appia Antica o la visita al Quirinale che si è rivelata un’importante occasione per introdurre gli studenti al sistema governativo italiano. Sono state molto partecipate anche le cene multietniche che hanno coinvolto in maniera attiva gli studenti: è stato chiesto loro di preparare piatti tipici dei paesi di provenienza. Questi eventi hanno contribuito ulteriormente a quello scambio culturale che già avviene durante le lezioni.

Info e contatti

+39 0631057259 o +39 3899112893,

oppure inviare una email a info@associazionecittadinidelmondo.it.

Resp. della Scuola Benedetta Artico