Imparare vale sempre la pena!

Pubblichiamo con molto piacere e infinita gratitudine la testimonianza della maestra Paola che sta supportando, con l’attività di doposcuola, M un bambino che vive a Palazzo Selam.
Conoscendo dal 2006 la realtà del Palazzo, sappiamo perfettamente che non è un luogo idoneo ad accogliere dignitosamente delle famiglie ed è per questo che stiamo aiutando la famiglia di M a trovare una situazione abitativa migliore.

M è un bambino di 9 anni, nato in Italia, figlio di genitori etiopi fuggiti dal loro paese. Probabilmente non lo avrei mai conosciuto se non fosse arrivata la pandemia. Mi ero impegnata con Cittadini del Mondo per un’attività di doposcuola alla Biblioteca Interculturale, con bambini di quartiere. Invece, a causa della pandemia, mi è stato proposto di aiutare a distanza, attraverso il cellulare, questo bambino che vive a Palazzo Selam, edificio della periferia di Roma Sud, abitato da persone titolari di protezione internazionale.

M non aveva un computer e non aveva potuto seguire la didattica a distanza organizzata dalla sua scuola, dove frequenta la quarta elementare. Perciò, malgrado la difficoltà di interagire solo con le videochiamate, è stato contento di avere una maestra tutta per sé, seppure per due volte a settimana. Infatti, da quando abbiamo incominciato a vederci, ad aprile, non ha mai saltato una lezione, neppure durante l’estate!! E’ stato bravo, perché concentrarsi per un’ora davanti al cellulare, con la connessione che a volte va via, cercando di ascoltare e di capire, non è facile. Il merito è anche dei suoi genitori e di suo fratello maggiore, consapevoli di quanto sia importante per lui andare a scuola e studiare.

Per me è stato determinante il rapporto di collaborazione che si è instaurato con la sua maestra, persona di grande sensibilità e responsabilità nei confronti dei suoi alunni, con la quale ho concordato il percorso da seguire. Prima della fine dell’anno scolastico siamo anche riuscite ad organizzare insieme una videolezione sulla preistoria, materia che conosco bene, per tutta la classe.

A M piacciono molto le storie. E infatti, durante l’estate, abbiamo letto insieme il libro di Luis Sepulveda “La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare”, consigliato dalla maestra. La lettura, che facevo io ad alta voce, un capitolo per volta, ci ha dato lo spunto per altre attività: disegni, esercizi di geografia e di grammatica, riflessioni sull’amicizia e sulla cura del pianeta, sulla maternità, sul coraggio delle proprie azioni, sulla pazienza e sulla determinazione.

 

Disegno dell’amicizia

 

Ma abbiamo anche potuto incontrarci due volte! Con le mascherine e per breve tempo, ma è stato importante, anche perché ho avuto modo di conoscere suo fratello e la sua mamma.

A settembre, quando M è potuto tornare a scuola, era felicissimo! Mi sono subito resa conto di quanto la scuola sia fondamentale per lui: mi è sembrato più pronto, più disinvolto, sicuramente più stimolato. Ora ci vediamo per la lezione on line una volta alla settimana, e lo aiuto nei compiti che lo impensieriscono di più. E poi, dal momento che a tutti e due piace cantare, spesso concludiamo l’incontro con un po’ di musica!

 

Paola Pascucci

Insegnanti di italiano: cercasi volontari!

Stiamo cercando insegnanti volontari per la nostra scuola di italiano per adulti.

Cerchiamo preferibilmente persone con esperienza e/o una formazione in didattica dell’italiano per stranieri.

Le lezioni, nel rispetto delle misure per il contrasto e il contenimento del virus Covid-19, si tengono a distanza.

Per maggiori informazioni e per comunicarci la tua disponibilità puoi scrivere a info@associazionecittadinidelmondo.it.

Tutti a scuola. Report a.s. 2019/2020 della Scuola di Italiano

L’anno scolastico 2019/2020 è stato per la nostra scuola di italiano molto intenso. Abbiamo tutti dato il nostro contributo per garantire la buona riuscita delle attività anche durante il difficile periodo di emergenza da COVID-19: ci siamo messi in gioco con la didattica a distanza, con la produzione di materiali didattici da condividere sul web, con lo svolgimento di un corso di sensibilizzazione su alimentazione e salute, e con un servizio di supporto scolastico per bambini.

Per quanto riguarda la scuola di italiano sono state attivate ad inizio anno sei classi delle quali due di livello pre-A1, una di livello A1, due di A1/A2 e infine una di livello A2/B1. I corsi sono stati distribuiti sia in orario mattutino che pomeridiano ed hanno garantito la presenza di due insegnanti per classe.
Ad inizio anno, ciascun corso era formato da 15 studenti, ma come spesso accade circa solo la metà ha partecipato in modo costante, così a metà anno abbiamo organizzato un’ulteriore sessione di iscrizioni per permettere a nuovi studenti di partecipare ai nostri corsi.
Tirando le somme sulle presenze, 80 studenti hanno attivamente seguito le lezioni durante tutto l’anno. Di questi, l’80% è di origine asiatica (60% del totale dal Bangladesh), il 12% proviene dall’America Latina, il 7% dall’Africa e l’1% dall’Europa.

Per quanto riguarda il genere e l’età, emerge una prevalenza femminile (85%), il 43% degli studenti è nella fascia che va dai 26 ai 35 anni, seguiti dalla fascia 18-25 (31%), 36-50 (17%) e infine dai 50 e oltre (9%).

Ad inizio marzo 2020, in seguito allo scoppio dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, siamo stati costretti ad interrompere le lezioni in presenza e a erogare i nostri corsi a distanza. Questo è stato possibile solo grazie alla partecipazione attiva dei nostri insegnanti, i quali con propositività si sono adoperati fin da subito per garantire la continuità del servizio, riadattando il proprio programma didattico in vista della nuova modalità di insegnamento su piattaforme digitali.
Quattro delle sei classi si sono tenute su Skype e Zoom, le restanti due sono continuate sui gruppi WhatsApp e nonostante diverse difficoltà, le lezioni sono proseguite fino a giugno/luglio anche se con una partecipazione ridotta rispetto a quelle in presenza.
Inoltre, per mantenere i legami a distanza con gli studenti e continuare a dare il nostro contributo, è stato creato il gruppo Facebook della scuola di italiano, dove sono stati condivisi i tanti materiali autoprodotti come videolezioni, schede didattiche, foto e informazioni varie.

In questo periodo, inoltre, gli studenti hanno seguito le videolezioni del “Percorso di sensibilizzazione su alimentazione e salute”, ideato dal Dott. Emiliano Guerra e dalla Dott.ssa Francesca Urbani, e finanziato con i fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese.
Il corso si è concentrato sull’importanza di mantenere uno stile di vita sano ed un’alimentazione corretta. In itinere sono stati svolti due incontri su Skype, dove gli studenti hanno potuto chiedere pareri ai due dottori e chiarire i propri dubbi.

L’attività della scuola di italiano proseguirà anche nel mese di agosto, con l’avvio del corso estivo a distanza, livello base (A0/A1).

Infine, da aprile, è stato attivato un servizio di supporto scolastico a distanza, uno spazio che ha visto la partecipazione di cinque volontarie che hanno seguito altrettanti bambini nello svolgimento dei compiti scolastici e nel ripasso di argomenti trattati durante l’anno. L’attività è continuata fino alla fine dell’anno scolastico e oltre. È stata una bella occasione per creare legami con alcune insegnanti e iniziare a lavorare per lo svolgimento di future attività in presenza.

Per concludere, un ringraziamento speciale va a tutti gli insegnanti e alle volontarie del doposcuola, che con passione, competenza e impegno hanno permesso alla nostra scuola di italiano di continuare la sua missione anche in un momento così complesso e difficile: Francesco, Rosa, Linda, Adriana, Francesca, Vito, Tatiana, Marlenne, Samaneh, Serena, Luca, Federica, Paola, Giuseppina, e Judith.

 

Cecila Ruta
Responsabile scuola di italiano

 

Corso estivo di italiano base

Sono aperte le iscrizioni al corso estivo di italiano base (livello A0/A1).

Le lezioni inizieranno lunedì 3 agosto, e si svolgeranno su Skype ogni lunedì e giovedì dalle 17.00 alle 18.30.

Per info e iscrizioni puoi chiamare il numero 347.6034200 oppure inviare una email a info@associazionecittadinidelmondo.it.

La nostra scuola di italiano

Dopo un anno di scuola, gli alunni del corso A1 hanno dato voce ai loro desideri e alle loro emozioni realizzando un piccolo libro “La nostra scuola di italiano“, consultabile cliccando su questo link: https://bit.ly/3jbri4h