Biblioteca Interculturale Cittadini del Mondo

Un punto di riferimento per la multiculturalità al Quadraro

biblioteca daniela
Sita in Viale Opita Oppio 45 presso i locali dell'ex casa del custode della scuola Damiano Chiesa, la Biblioteca Interculturale Cittadini del Mondo intende favorire un servizio gratuito di reperimento, lettura e prestito di libri di autori stranieri e non, in lingua originale.

Aperta dal lunedì al venerdì dalle 15.30 alle 18.30, mette a disposizione dell'utenza circa 1000 DVD, più di 6000 libri in più di 20 lingue differenti, con una corposa sezione dedicata alle migrazioni e alla cooperazione internazionale, due postazioni computer e internet wi-fi illimitato gratuito.
Per consultare il catalogo completo e aggiornato della biblioteca, clicca qui.

La biblioteca ospita a cadenza quasi settimanale proiezioni di film, presentazioni di libri e attività di promozione culturale. Per rimanere sempre aggiornato sugli eventi, visita il blog della biblioteca.



I linguisti sostengono che il numero delle lingue parlate sulla terra sia circa 6000, di cui la metà in fase di estinzione nei prossimi 50 anni, altri autorevoli studi ritengono decisivo l' uso del proprio idioma ai fini dello sviluppo intellettuale e affettivo della persona sopratutto per le fasce di immigrazione più deboli, quali ad esempio quelle che comprendono i rifugiati politici e gli aventi diritto alla qualifica di protezione sussidiaria, che difficilmente faranno ritorno nei paesi d'origine. 

L’Associazione Cittadini del Mondo da anni si occupa di assistenza socio-sanitaria nei confronti di migranti, rifugiati politici e richiedenti asilo. Questo lavoro ci ha permesso di divenire in un certo senso osservatori privilegiati della realtà migratoria e di captare spesso desideri inespressi o bisogni non apertamente dichiarati. Tra questi emerge la necessità di non rinunciare al proprio patrimonio culturale e, quindi, di poter leggere libri nella propria lingua o reperire materiali appartenenti alla propria cultura d’origine; le nostre impressioni sono state confermate da un'indagine condotta dalla associazione attraverso questionari conoscitivi e interviste somministrati agli utenti del nostro ambulatorio, da cui emerge che, nell'area di Roma Sud, la presenza significativa di molte comunità straniere (Romene, Bengalesi, Africane ecc.) è ormai un dato acquisito e consolidato, ma non risulta che esistano dei servizi preposti a favorire l'esplorazione e la divulgazione dei patrimoni culturali di cui sono portatrici queste popolazioni. In particolare si rileva l' assenza di una biblioteca che sia in grado di proporre testi in lingua originale che possono evitare ai migranti un distacco dalla loro cultura.

La Biblioteca Interculturale di Cittadini del Mondo , intende favorire un servizio gratuito di reperimento, lettura e prestito di libri di autori stranieri e non, in lingua originale. Sono disponibili anche testi in quegli idiomi che, ritenuti minori o comunque troppo distanti dalle nostre strutture sintattiche (Somalo, Tigrino, Amarico, Cinese), non trovano nella nostra città un adeguato canale espressivo. Oltre ai libri, è possibile il prestito di materiale audiovisivo e multimediale (film, documentari, strumenti didattici). Un’intera sezione, poi, sarà dedicata a testi relativi a tematiche legate all’immigrazione in Italia, all’intercultura e alla conoscenza delle culture altre.

La biblioteca è un luogo di interscambio e conoscenza reciproca tra italiani e stranieri, in cui praticare concretamente percorsi di convivenza basati sul reciproco rispetto e sulla conoscenza delle culture.

Accanto al servizio di prestito di libri ed altri materiali, l’Associazione Cittadini del Mondo ha previsto una serie di attività volte a promuovere la conoscenza delle realtà migratorie nel nostro paese, a favorire l’incontro tra diverse culture e l’inclusione delle comunità straniere nella vita sociale e culturale del territorio.

Attraverso questo importante progetto, l’associazione, mira a :
  • promuovere l’interazione e lo scambio fra i popoli, i saperi e la creazione di diversi contesti etnico-culturali;
  • promuovere il diritto alla cultura come fattore strategico di cittadinanza e integrazione sociale;
  • contribuire a ridurre le criticità legate a fenomeni di intolleranza verso gli immigrati.

La realizzazione della biblioteca inizia nel 2009 con l’accordo con l’Istituto d’Istruzione Superiore Jean Piaget, per l’utilizzo degli spazi scolastici.

Nel 2010 ci vengono concessi gli spazi nella scuola succursale Carlo Moneta, zona Quadraro La biblioteca è stata inaugurata e aperta al pubblico il 15 novembre 2010.

Durante i due anni presso il Carlo Moneta abbiamo avuto utenti sia italiani che stranieri, abbiamo promosso incontri e collaborato con alcune professoresse delle tre scuole del plesso Jean Piaget. Le iniziative promosse dalla biblioteca in collaborazione con la scuola hanno coinvolto molti alunni, durante la presentazione del libro “I fantasmi di Portopalo” con la presenza dell’autore Giovanni Maria Bellu, parteciparono all’iniziativa 5 classi.
Poco prima della scadenza del comodato con la scuola Carlo Moneta, il VII municipio ci comunicò la possibilità di usufruire dell’ex casa del portiere, abbandonata da circa 20 anni, presso la scuola Damiano Chiesa per la biblioteca.

Nell'agosto del 2012 iniziano i lavori nell’ex casa del portiere sita in via Opita Oppio 45 che terminarono i primi giorni di maggio 2013.

Il 25 maggio 2013 è stata inaugurata la nuova sede della Biblioteca Interculturale dell’Associazione Cittadini del Mondo.